PRO LOCO MONTELUPONE


Vai ai contenuti

ORIGINI

IL BORGO > STORIA


Le ipotesi degli studiosi di storia marchigiana e locale sono discordi sulle sue origini che si confondono tra storia e leggenda.

Alcuni sostengono che Montelupone sia stato fondato da un compagno di Ercole Libico che, dispersosi dai suoi compagni in seguito ad una tempesta,approdò nel tratto di mare Adriatico difronte l'attuale Montelupone dando così origine a vari centri (Recanati, Montesanto, Portorecanati) tra cui l'attuale paese.

Di contro altri sostengono che Montelupone abbia avuto origine da una famiglia romana "Lippia" i cui discendenti "Lippo e Lupo"fondarono in un anno imprecisato l'attuale paese.

E' da ritenere che questa seconda ipotesi possa essere più vicina al vero, come, anche, pensano e documentano autorevolmente alcuni studiosi tra i quali Alessandro Terenzio (secolo XVIII).

Montelupone, dunque, trarrebbe le sue remote origini dalla famiglia " Lippia " che vi costruì le sue ville e gli edifici complementari, dando così il nome a questo centro:

" Mons Lupia " .




Il castello di Montelupone
in un disegno del secolo XVIII

Che il territorio di Montelupone fosse abitato ben prima della nascita del comune, ne è prova il rinvenimento, a partire dalla seconda metà degli anni venti di questo secolo, di diversi resti risalenti ad epoche molto antiche dal VI secolo a.C. (Civiltà Picena).

Nel 1926 sono stati trovati scheletri e vasi di terra, di colore scuro quasi nero, probabilmente risalenti a circa 29 secoli fa.

Significativi anche i ritrovamenti avvenuti in epoca recente.

In C.da Acquare nel 1975 è stata individuata una tomba romana, mentre in C.da Castelletta è possibile l'ubicazione di una necropoli, stante il ritrovamento di frammenti di laterizi ed ossa umane.

Lungo la sponda destra del fiume Potenza, in località via Enrico Fermi, nel 1989 è stata rinvenuta una fornace romana, perfettamente conservata, che misura metri 2.60 x 3.17.

Quest'ultimo ritrovamento è davvero rilevante perché potrebbe esser parte di un più vasto insediamento ubicato lungo uno degli assi di collegamento tra le città romane di Potentia (nel comune di Porto Recanati) e Ricina (nel comune di Macerata).

E' possibile che la direttrice lungo la quale si trova la fornace possa essere il Decumano della centuriazione della zona da Helvia Recina a Potentia.


Nel 1983 a San Firmano, vicino alla centrale elettrica dell'Enel, sono state riportate alla luce tombe che, a giudizio della Soprintendenza di Ancona, possono essere definite paleocristiane.

Sulla possibilità di un legame tra le origini di Montelupone e l'età romana, secondo quando affermato da Emilia Saracco Previdi, fra il secolo X e XI Montelupone è uno dei nuclei già esistenti o derivanti da insediamenti di età romana.

Di rilievo anche le presunte origini di Montelupone dal " Castrum Pasoli " che sarebbe sorto sui luoghi e sulle rovine dell'antica Pausola: un'area compresa tra il Chienti ed il Potenza.

Appare comunque fondato affermare che il "Castello " (Castrum) di Montelupone debba risalire ai secoli XI - XII, nell'ambito di quello che era il territorio compreso nella Marca Anconitana, infatti il primo documento che parla del "Castro Montis Luponis" è del 1150: si tratta di un atto di donazione di 100 moggi di terra da parte di quattro uomini della chiesa di S.Maria di Collalto, redatto da "Acto tabellius de Castro Montis Luponis".


HOME PAGE | CHI SIAMO | DOVE SIAMO | CONTATTI | NEW | MANIFESTAZIONI | NOTE LEGALI | ARCHIVIO | IL BORGO | COPYRIGHT | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu