PRO LOCO MONTELUPONE


Vai ai contenuti

TEATRO COMUNALE

IL BORGO > MONUMENTI


Nel 1846, 34 monteluponesi ( tra i quali figurano i maggiori possidenti del tempo ) si fecero promotori di un'associazione al fine di poter costruire un nuovo teatro nel palazzo comunale del paese.

Nel febbraio del 1869 si era costituito un comitato promotore che raccolse l'adesione di 41 cittadini e nel giugno dello stesso anno fu redatto anche lo statuto e il regolamento sociale per il teatro comunale di Montelupone.

Nello stesso anno Ireneo Aleandri ( autore, tra l'altro, dello Sferisterio di Macerata ) presentò alla giunta municipale un primo progetto, per il quale il comune gli liquidò la somma di £ 60, tuttavia, quasi certamente per motivi di ordine economico, il progetto rimase sulla carta.

Il teatro attuale è invece frutto del progetto presentato dall'architetto Giuseppe Sabbatini nel febbraio del 1884.



I lavori furono appaltati nell'aprile dello stesso anno a Marone Fioretti di Civitanova Marche.

Lo stato finale dei lavori fu sottoscritto dal Sabbatini nel giugno del 1888.


Al teatro si accede attraverso l'entrata del Municipio.

Oltrepassata la porta di vetro e ferro, c'è l'atrio vero e proprio di forma rettangolare, con pavimentazione di mattonelle di graniglia, con pezzi speciali dello stesso formato, raffiguranti tralci di edera che girano parallelamente ai lati della muratura.



Nell'atrio ci sono tre porte, di cui una a due battenti tinteggiata a smalto, che immette sul " foyer ".

Due rampe simmetriche e rettilinee rispetto alla sala conducono ai corridoi di accesso al primo ordine di palchi e, da qui, si accede al secondo ordine attraverso due rampe a curva ellittica.

La sala ha pianta a ferro di cavallo, una larghezza massima di 8 metri ed era lunga ( è stata accorciata da recenti lavori ) 10,50 metri.

Lo zoccolo perimetrale della sala è rivestito con carta da parati alta 95 centimetri, di colore rosa antico: su questo gravitano 14 palchi del primo ordine e i 15 del secondo.

I pilastrini che scandiscono i prospetti dei palchi sono formati da una colonnina a fusto quadrato per il primo ordine, per il secondo ordine da colonnine prive di plinto con fusto scanalato e capitello.

Il loggione è costituito da trabeazioni, sormontato da un parapetto e balaustrini in legno. La copertura della sala, a volta bassa, è introncata su cannucciata sostenuta da centina; è composta da un oculo con cornice in gesso da cui scende un lampadario di tipo settecentesco a goccia in ottone.

Il palcoscenico misura 10 metri per lunghezza e 13,50 di larghezza. il blocco dei camerini è situato lateralmente a questo.

Le decorazioni sono dell'artista Domenico Ferri.

Il teatro rappresenta per la comunità monteluponese un luogo di aggregazione e di crescita sociale ed in questo spirito ogni anno è organizzata una importante stagione teatrale.



HOME PAGE | CHI SIAMO | DOVE SIAMO | CONTATTI | NEW | MANIFESTAZIONI | NOTE LEGALI | ARCHIVIO | IL BORGO | COPYRIGHT | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu